Applicazione

Campo d'impiego

Le elettroserrature di sicurezza assicurano che dispositivi di protezione scorrevoli, girevoli o rimovibili, quali griglie, cappe o porte, non possano essere aperti finché sono presenti condizioni di pericolo (ad esempio movimenti di oltrecorsa). Questo avviene in coordinamento con il sistema di comando della macchina. Moduli di controllo arresto sicuro o temporizzatori monitorano i movimenti di oltrecorsa o le sequenze temporali. Queste elettroserrature di sicurezza vengono anche impiegate laddove l'apertura di un dispositivo di sicurezza raprresenti un'intrusione illecita in un processo produttivo.

Utilizzati in combinazione ai moduli relé di sicurezza della serie SRM, le elettroserrature di sicurezza raggiungono SIL 3 secondo EN 62061 e PL e secondo EN ISO 13849-1.

Progettazione e funzionamento

Nelle elettroserrature di sicurezza, l'elemento di commutazione con il dispositivo di ritenuta e l'azionatore non sono uniti in modo costruttivo, ma vengono uniti o separati in maniera funzionale durante la commutazione. Quando il dispositivo di sicurezza è aperto, quindi è sbloccato, l'azionatore viene separato dall'unità base. Contemporaneamente, i contatti NC si aprono positivamente e i contatti NA si chiudono. Il segnale di libero viene inviato al comando della macchina soltanto quando l'azionatore viene inserito nell'elettroserratura e il perno di bloccaggio è in posizione di blocco. Le elettroserrature di sicurezza lavorano secondo il principio della corrente di riposo, per cui il perno di bloccaggio è tenuto in posizione di blocco dalla forza di una molla. Quando viene data alimentazione alla bobina, il blocco viene rilasciato. Il dispositivo di sicurezza può quindi essere aperto. Le elttroserrature che lavorano secondo il principio di lavoro, funzionano in modo contrario.

Le elettroserrature di sicurezza riportate in questa sezione recano il marco CE secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE.

 

Prodotti »

su porte scorrevoli
su porte girevoli
su porte rimovibili