steute in breve

Oggi steute è riconosciuta a livello globale come specialista per lo sviluppo e la produzione di interruttori, che lavorano in modo affidabile e sicuro in condizioni critiche e complesse. Il programma dei prodotti, di cui fa parte sia una vasta gamma di prodotti realizzati in serie sia numerosi interruttori personalizzati, si suddivide in quattro rami aziendali e centri di competenza: 
WirelessAutomationExtreme e Meditec.

Wireless

steute offre agli utilizzatori di tecnologie wireless un vasto programma di interruttori con diversi standard di trasmissione radio, che sono in grado di garantire anche in condizioni difficili una trasmissione di elevata affidabilità. Molti di questi interruttori lavorano in modo energeticamente autarchico secondo il principio del “Energy Harvesting”, cioè non necessitano né di alimentazione elettrica esterna, né di batterie. steute ha allargato e certificato questa tecnologia anche all'impiego in aree a rischio di esplosioni.

Automation

Per il settore dell'automazione steute offre un ampio programma di interruttori di una durata estremamente lunga, i quali lavorano con provata tecnologia elettromeccanica nonché con diversi procedimenti di rilevamento senza contatto. Oltre alle serie standard ci sono anche numerosi interruttori personalizzati, che sono stati sviluppati per compiti ben definiti o per particolari condizioni d'impiego.

Extreme

Gli interruttori del ramo aziendale “Extreme” sono per es. estremamente resistenti a vibrazioni, al calore, alla corrosione, igienici o resistenti a urti. Una posizione tradizionalmente forte è assunta dal programma Ex, che è certificato secondo requisiti internazionali e viene impiegato a livello globale per es. nell'industria chimica e nelle raffinerie. La produzione di questi dispositivi è certificata secondo i requisiti della direttiva ATEX 2014/34/UE, mentre gli interruttori stessi rispondono a regolamenti internazionali per la protezione EX come UL/CSA, EAC, IECEx, Ex Nepsi e Inmetro.

Meditec

Da circa trent'anni steute sviluppa e produce interruttori di alta qualità, che trovano impiego nei dispositivi più diversi della tecnologia medica – ad esempio nella chirurgia ad alta frequenza, nell'oftalmologia (Facoemulsificazione), nella tecnica dentale ed in tecniche di diagnosi ad immagini come CT e MRT. I sistemi di commutazione talvolta assolvono a funzioni di comando e controllo molto complesse; per la trasmissione di segnali si dispone di standard radio, che sono stati sviluppati appositamente per la tecnologia medica. Il ramo aziendale “Meditec” lavora sulla base del sistema di qualità EN ISO 13485 e produce prodotti medicali certificati.

Stretta collaborazione con i clienti

Tutti i quattro rami aziendali di steute sono strutturati in modo tale da collaborare a stretto contatto con gli utilizzatori, per poter tenere conto delle richieste dei clienti già durante la fase di sviluppo. In questo modo sono nati tanti “specialisti” tra gli interruttori – ad es. sensori resistenti a vibrazioni per l'impiego nella tecnologia marina, elettroserrature di sicurezza per zone a protezione Ex, interruttori di posizione wireless estremamente compatti, sensori resistenti a corrosione con grado di protezione IP 69K e sistemi di comando per la tecnologia medica, i cui singoli dispositivi di posizionamento hanno funzioni diverse a seconda della modalità d'esercizio.

Reazioni rapide e presenza in tutto il mondo

In qualità di impresa media a gestione familiare steute reagisce in modo rapido e flessibile a tendenze di mercato e richieste dei clienti. Per consulenza e servizio disponiamo in tutte nazioni industriali e emergenti di personale qualificato.

 
}[o$r?iVߛdphSj\!u U9S]Ucط}X,]e zO?c#2U͞""3ᯞ,Kx'o(kBdN׎g]hn}Xd0`lf]rzp:gZ2 g Ta~Ŝ9s_ <[A(Z!x녷;cF30q'![6͝7P,]?4!PBG%͹ MNO3 CLn 08`P &q'F{ٵ 4kn2!F-g&AKw:G,@ʅ6 h!fD5 ʃ\7MtȬMg#:۷&j,`J]ȫ;t7.rCVq,𬘿`17g惃A?d2ڟ`f;!X`6DO{~X0͎dwࠏ3k ΂Þ$HoPLkl:rݚ}h"MXjRu8@Rᇾ̱h$6Jf1 ;>'6;;%{^QK~XF{e7曅9C9%sjl=x$& }#ܓekwJ+rcN,"Eۈk[L.->s:eX?k)XEXxrھ-})m)'_/N$n 3JIZu߾yP sזhvu?ޝcܱ\wIհ{z`Wd2/2V+.^1%ҁ#!)ndk@bu(?D! Blp/ҏ wX}ۦ^ǀ "'2z6"tm(@W`1 ٘x q Q,IjET$#?)@BT\J3ztW )Ij X5,/fE,̃):;A;`1Q\ܛG*L3tJ5O?}x1WtVЉ¦KA,%B㭣 D)VI&+j^|.qd 5K2(3Q_IwW['y`1*.+CgZdI $ukk Q̽U\} 1يwا,KJ" LJ<{SKTe={.pm+2hoBz CRm^8 <x *$W۪ӆ RH15pD+OgȞ#I>FELIoѫ>u6>`ζrE '80EBfXe#g!9uUiG">u~ ʃԻQxB߸vܛ+"rpXk`4Ml z)-JiF>!(?Ϳg(Vٿ _?n\B?m\JяHl+;xp#jXq݃iN" |RJEGt,F?VO7,1']D6/XUqsztpӮ=uli*}Dxvg҅`M6|7@VY =d!?lvrTbZsD7O]ˍJ=%E &T AbV̄BVFO8>zC>71,]3S$a%zw1o\0,$( -oaQDi!#D9I3Ả]6{YH7eq#goV-Nℵ SFW\=BX] lPӛ2ا7Ɛk3@)&+#jND-"`Frwx SIZޮIt/%Z?P] | ľڷHD\ƀ0` mI8BDTҲ4NNAܤT,Jۺfw0N!df'QӘSg( psavU&Vt8Ba*H@z$q.GR~n>`o^T{OoM$tEw֤[T<(6` ԷjQ/T@1GAֱD+(< :fֲJK7Έ)%}W5֪Ucѷ %G=^4F8LI$ʡ .Ous4a2o,@'쒶hfl%-f4eh$2(0-\pg3'3͋L-%"qdp]hBF)W]TMD"$fK{>0&&C7jS`b M?x*;LN~1yIII%/ZFDLW#n#(+pX~tP`Pr3ϴlg FEO<@*Z|}7H}zQU]j1$ mvE*أȰ'jd|bw0yF;hxQw:N:w-ԉMC݆F#)|E!xnѻqybNDiFܭ(DX&ec4wпP213_; IhOƼ3v2vP,VXH6FOkl|S3dͳ6~{ؖ+qD\v*$l*;Me<Ӵ*yӔ ]SDf#{Tl #ƕ7h ur-z G&Pō.xTZL*z㓄a+ =RL֟ذmp娩lw4$l5PZ-*JaWMWÿxRN=Mnv֥,St;4yJ q /=<ݧ!8ni4/sٮsYɴrUVUVE+jW"ޖLh݌nr]%q)/ɡ@V3' 2A[o]6p.va\Lצk.+R/WgmP JͅBrfJ"P&IH*I[un;W:׹J&tWuH $;;'z5Y'5 j3L+83--ܔi`-MOO9j@T[>~zW\ut#h V?!̘s7穉E.Eq'Р}"1 :q!a̠J)^PUpumvhh7D;LZr=œ_Dya$2Q4)ƥW/% 2K͆Ye xTe`uN.qi]`8 KE.@9K;@ƉImd"CtUT]Y)8n[ktָ=JIT*y9>2^>,֮ba=H4Nm;$e[)Ko:Q0 qon[Zz oj)m :=:Yk|T VJܞ)Tj[HT_ҽ6Bfj{M.\"2j]Tz¬+AїʘRO"T&IUFT|`ޚJ&/3Eieai`2an?㎸fZ0. 9 mECn(Gb|kIG22L&GswE/=b5ORao9Kj}/dZ@7 .lIL:VR\)7WL 4V~&%ԗWpG ?'NQّ7 f.57!K0.^;o &NbgN痯N.!K%fssrݹ9t+7{GUHF i\ܾee~xB,eXVI p?(`=SZ,FsAbn_1u ؉vo.+7<<\P ϩir&66ǵErC2x#PFLx {Ð.[G 1w;L6W"t#cme C&x31g=3X]Fe?_pl'jRrkrnfNmm*S7lN4pQXqtcWazMrٷ,`WX2x0ސ~q'V/5GfeOm^Zc-7/FPbM 9,KJϓdEHB&}׃_k'xZL+.9}A&x.ݚ1ԹnUry^md~H`q`7!H. L  ţ[iRn(nbˇcz>B)l^fGWQ4\+$k?t>W/X6fXg>kӴ Y޲{o.,ڳo/nSs0O0fb=Xcc4G_k\'.-ʘ%hħd[u rBXffm][k@\*$tJ*5卭U82\m[0-_f#𝲳~Ṅ/ѯ Cn6z5$ZkĒ5h"EJի^ɃX$̼l޺'z:A˗/N/MV_R9-‹%M"SUSϳbXie嗸 rXkǵVJTJ3/\ 5~%ro!f4&Ss ŹHkYοvNOd:X%b~>06)K"~xip0㰿Rw !ѷr8\N&'<9oI1UFcڲa1rb- {qC ό\?cz^=[{kOWL./l:%V"V':sdTޡ$d~c0@0~Iaynnk&± C/x]__w1  q l̦]gJ@hɵr.:.:.YЬ- nO{f!doO pX$0V#-_$>ˋM$u.I 3ū3r|rrz~>~M> Koο>~vǯNW@ R]t)$̰ To2#H=hjad/k\[$և˓g3`KDK`Ur,s၄08$(6_Vj4>xi]  w)''?8C>5n- r30sj2yI<ߎ֔/MG/pS4޲PM)8;+R4ˡjdgMAu F2HR4v.+Rg &Kpb_}zn]=!4%< 4WddqOPn|U$'Z\\>>"ڦߘR2⏿z9:?=~uAuFՏ]{~I ^H$ .:ќAr~"Z xG/V⧿$>zn`u?6(#tY 7C1O B*vJ+n=Űx]b.71;݄}&t>E$LQ.!RǴ13Z@bɮ8sjqSGsdPrEBT@x 8'.8 ] v:Q]$ڲ-l<32%͖G;;a|ΰp!9}4`f-һ _zJ8؊̒ ;9hEo*3WBײmv#,AMjL+BϋT3Z4% P MI37Y~0D[ I*k,kאE/ez]~\{>Ǧ9M2M_wn \V4s?ZY;Jk<]LDn26< Evxa_6ҪAV AE8]#^0L-q. <ϻkN] Ιuq8fg%AK0)q?ġ_ _a!~܅/ QP_VEupd]j%ngc: ^V&G_y-DM!6Ï}%|7vi;AnXdVVF}l)eM棽]jW}%,)f)+rY8/DzY^kP&,:}4)*ja.Au!j cuZn>K^ڡ/$EOdpL. fPl ([97O!X'G8x*_l"}kO"}oOcORQo&IPM^Ǘ|>ݟ,U%|*=čc&, ^ i]񣅬x]\kRTuWt vp}Tz\%_;T[Mb* ٲĹ*!W)@Qqh)澉'=88DaNd:RqF,/b?ާyq([R :0Bd#*NܕYHNMv K] (jq7#䡛 <2l!t6PUO#_!P<*$b\'9(}AG$X#Gg4Ιb &OJ:;IDx':R3Mܢ(%kJX=iQC4qA@TS7ѻ 4dJTJj<фZZ"%z(0dc]鳁 E}4L)dUn/NE]w"4#{,Wqb $Gi)B"w%QK#b bɪ.JweeeMWhģ)FLZ1BW#%=}"ٛ~)Ru#!ԾL0mN[N `]ݬU#< +4CT<[qJ͏׫ԾTWL52869@c+W\=^Jn}*dT6J|&;}`Q4966oh51Q4]򕈛0xҮsB:k'C B6&+)]ּLpdT:%'^9v sJOqvix'#d}ҚXe1\g ǥ˧T>e ɹ2BDBmZ/2 GpxV-BL'GCaZi/`j'R+pJZߚsܘp5.Y%O=խ؄\~\R-\А]fq98E 4,@k- 쏍X,gH> ާ8\HS2/d#}*H(E9Ȼૃ *<p!,ۦ(8\!up GaJ_s LX@9J4kטٮS6N6,l.n-U/G:y HZˍ mT^<W3W0xHeGmj/7@ֵ::0M!!+aw No6S5Z,5PÝlܪXQ&""5V*CP6[䤢(Py2IidH7qMC+[2SWAY N"B({!BNVF9Ь;[ 3, bѫimAfoѮ\]ȼb 6iղܠe~ xmKMJMf~RK-bH,s,B@k45)4fL-0ZQ-T6U v_lBeU9-o䃋 ˽x(`Sϣ$o0%m^ɒ%ᅂZ9r#_7|hE5+1֜"Ff_oءV0w戋}Bυus$m T ]WQܫ t߼g@^% 6\|rv,::JٺO$qU`з7EmФ9!rAZ,j.FrK:DyyN%1Uuk~u>CIt#σ#̦Uֲ%q^/O(V:kW*}}:D d] BU]"4Y#h;<9߀9r=8&2"wj+>C !>MV!RUd+VIKôXpXAͰieh**Íi4Ҵx=LF$C9D{SUۊ.jpuƩh/C_ٯT ŏө@H"֐l,#e2+cnU-MX dȓ7isd '[Ѧy[AJhJAfz6e?-YK\چ̶ u*hi:o-7($9QO#6P|3,^RWH,φ ^v2AhDxbԒQ0 J;;'z! pz-Qf!OSϯh4nl`nmLjiH2m[XԱ wgA/ dHz"kh}j\Rm5P%m+qeOB*h?_8}u7g_~v"Q /.u\8PL=>wVs ȵ~%L&hqf-.Db/g⺹ YtDPW>͎}%'kp ad  %+< >,`Du2;`vWZ1d_h4 Gxpw#xKC7;MWcK68NTυbzɅ{M⺏ѹ:70v&^e`?.j-SNm^~n4TԐ$dZ< b%Hi FABl|۳/+ |<ζFgC9ah޾;_JQ` QXv6q ~"/H/NUBƓp8f`?)Ӄt7ýx<ϬOSk&̔&t`NN5'G=L%LtԲN@9H|(њr&6]qXGxT$(B A-<Ɔ3曅|>b=D⓾;jpզva9N@bm;y3 8\dF4 %+ҕM`9/śNːEka_:fKwq|Ynt: ^~=.92n< 2q=dΏ~|h'mfur 0